Passa ai contenuti principali

Come far felice una coccinella.....

Cari bambini, questa non è una favola
non è una storia da portare a tavola
questa è una semplice idea che la coccinella Gabriella
ha avuto per far sorridere quella musona di sua sorella.
La coccinella musona si chiamava Beatrice
e non c’era nessun modo per farla felice.
Si lamentava sempre, capricciosa impertinente,
poltriva tutto il giorno, e non concludeva niente.
“Sei una coccinella -le dicevano tutti quanti-
Vola, cerca i fiori, ce ne sono così tanti!”
Ma Beatrice non voleva saperne, di tutti ‘sti consigli
E tutto il giorno, pigra, faceva solo sbadigli
“Voglio toccare il sole, voglio assaggiare la luna
Solo così volerò in giro e porterò fortuna!”
“E’ un capriccio bello e buono -dicevano tutti con orrore-
Sul sole ci si brucia, e la luna non ha un sapore”
Ma la fata Manipà e la coccinella Gabriella
Ebbero un’idea, come al solito assai bella!
Inventarono un sole e una luna divertenti
buoni, succosi da poter mordere coi denti
Li costruirono con l'aiuto di tanti bambini
che infilarono la frutta in cima a dei bastoncini.
Il sole era un ananas e la luna un bel melone
E con tutta la frutta attorno facevano un figurone.
Fragole, arance, kiwi, mele e banane
Vollero partecipare e furono molto brave!
Quanti soli, quante lune, tutte da mangiare
Beatrice smise di fare il muso e cominciò a volare
sorrise, camminò sul sole e si mangiò la luna
e da quel giorno diventò un gran portafortuna!
Da allora ogni anno è diventata ormai una tradizione
Si preparano spiedini con la frutta di ogni nazione
Beatrice li assaggia tutti e sceglie il più perfetto
Chi l’ha fatto avrà fortuna ed avrà anche un bel bacetto.
Il prato è il nostro mondo
il sole è giallo e tondo
la luna è uno spicchietto
che spunta sopra al tetto
Voliamo sopra al sole
mangiamolo in un boccone
dondoliamoci sulla luna
ci porterà fortuna.

Commenti

Post popolari in questo blog

Chi ti credi d'essere? Sei qualcuno? Domande...

Storie di donne, mai a confronto. Ma a conforto e sostegno una dell'altra. Percorsi scavati a mani nude nella propria mente e nel proprio cuore. Ogni nuovo passo non è mai banale e se ne cerca il senso, con una tenacia tutta femminile.

"La sorpresa fu il suo desiderio, quasi la pretesa che ogni cosa tornasse a essere lì apposta per lei, semplice e compatta come il servizio di recipienti da gelato, tanto da convincerla di non essere solo in fuga da delusioni, perdite e abbandoni, ma anche dal loro esatto opposto: dalla cerimonia violenta dell'amore dallo stato di frastornata alterazione che comporta. Perfino quando non era pericolosa faceva fatica ad accettarla. In un modo o nell'altro l'amore ti derubava sempre di qualcosa: una sorgetne di equilibrio interiore, un piccolo nocciolo duro di onestà." Alice Munro

“Per la maggior parte del tempo non avevo fatto altro che avanzare alla cieca da un giorno all’altro...

Eppure dentro di me la vita ardeva. Benché fosse …

Barbabietola rossa, per un buongiorno a colori

Una barbabietola, due carote, una mela, un limone... un pezzettino di zenzero se gradito!

Mangiare tre frutti al giorno è un buon inizio

La salute passa per il fruttivendolo. Ma non lo dice il fruttivendolo, lo dice l'O.M.S., Organizzazione Mondiale della Sanità. Pare infatti che un consumo adeguato di frutta e verdura cambierebbe la mappa mondiale delle malattie cardiovascolari.