Passa ai contenuti principali

Il panino dimenticato

Mi dicono che a scuola quando è ancora mattino
fate merenda, contenti, mangiando un panino
Ascoltate allora questa piccola favola
E se alla fine qualcosa avanzerà sulla tavola
Provate ad usare furbizia e fantasia
così che non ci sia niente da buttare via.

Di solito i panini non sanno raccontare,
Qualcuno sostiene che non possano parlare,
Ma io sono un panino davvero speciale
Più buono dei dolci che si fanno a Natale.

Sono diventato famoso, questa è proprio bella,
perché con me è nata la famosa panzanella.
E pensare che tutto è successo per caso,
quando un bimbo ha creduto che io avessi un naso.

“ti avverto mammina- disse dopo avermi guardato-
non porterò mai a scuola quel pane con il naso ammaccato!”
In effetti il fornaio, che era ormai molto stanco,
mi impastò un po’di fretta e mi fece un bozzo sul fianco.

Mi tirò fuori dal forno, bello caldo e dorato,
ma capii subito ch’era scontento del mio risultato.
La mia forma era strana e tutti mi scartavano
Per colpa di quel “naso”, non mi comperavano.

Dimenticato da solo in fondo ad una gran cesta
con i miei amici panini non potevo far festa.
Rimasi insieme alle briciole e ad un poco di avanzi
Perché non ero adatto ad allietare le tavole ed i pranzi.

Mi stavo seccando, col passar delle ore,
E questo col tempo induriva il mio cuore.
Ma prima che il buio scendesse giù fitto
Ed una notte assai scura mi trovasse sconfitto,

Manipà prontamente mi venne a salvare
Ed impedì che qualcuno mi andasse a buttare.

Per darmi sollievo mi inzuppò a più non posso,
in acqua, sale, olio, e insieme a un pomodoro rosso,
Ci mescolò tutti insieme e diventammo amici
Perché stare vicini ci rendeva felici.

Che festa ragazzi e dopo mezz’ora di ammollo
Per noi fu l’inizio di un nuovo giorno.
Ci eravamo trasformati in un piatto squisito
E chi voleva buttarmi, fu molto pentito.

Non state a guardare forme e apparenze
Lasciate a chi è strano qualche speranza,
ero un panino da dimenticare,
un brutto errore da cancellare,
ma sono bastate solo poche attenzioni
e mi han subito scelto fra i piatti più buoni!!!

Commenti

Post popolari in questo blog

Chi ti credi d'essere? Sei qualcuno? Domande...

Storie di donne, mai a confronto. Ma a conforto e sostegno una dell'altra. Percorsi scavati a mani nude nella propria mente e nel proprio cuore. Ogni nuovo passo non è mai banale e se ne cerca il senso, con una tenacia tutta femminile.

"La sorpresa fu il suo desiderio, quasi la pretesa che ogni cosa tornasse a essere lì apposta per lei, semplice e compatta come il servizio di recipienti da gelato, tanto da convincerla di non essere solo in fuga da delusioni, perdite e abbandoni, ma anche dal loro esatto opposto: dalla cerimonia violenta dell'amore dallo stato di frastornata alterazione che comporta. Perfino quando non era pericolosa faceva fatica ad accettarla. In un modo o nell'altro l'amore ti derubava sempre di qualcosa: una sorgetne di equilibrio interiore, un piccolo nocciolo duro di onestà." Alice Munro

“Per la maggior parte del tempo non avevo fatto altro che avanzare alla cieca da un giorno all’altro...

Eppure dentro di me la vita ardeva. Benché fosse …

Barbabietola rossa, per un buongiorno a colori

Una barbabietola, due carote, una mela, un limone... un pezzettino di zenzero se gradito!

Mangiare tre frutti al giorno è un buon inizio

La salute passa per il fruttivendolo. Ma non lo dice il fruttivendolo, lo dice l'O.M.S., Organizzazione Mondiale della Sanità. Pare infatti che un consumo adeguato di frutta e verdura cambierebbe la mappa mondiale delle malattie cardiovascolari.