Passa ai contenuti principali

A scuola a piedi, tutta salute

Leggo e riporto volentieri il contenuto di un articolo di Caterina Visco pubblicato sull'Espresso di questa settimana pag 170.
Si tratta della solita scoperta dell'acqua calda, ma quando autorevoli studi confermano quello che il buon senso di noi mamme già predica da un pezzo, ci sentiamo tutte più sollevate!
Università di Buffalo. Alla ricerca di una soluzione all'incombente e drammatico problema dell'obesità, (negli USA una vera piaga) scopre, attraverso i soliti bizzarri test, che camminando i problemi cardio vascolari e di tipo arteriosclerotico, si riducono.
Scopre, addirittura,che facendolo fin da piccoli, i rischi di ammalarsi da grandi diminuiscono (sempre a patto che lo zaino non superi il 10% del peso del bambino).
Ha dell'incredibile. Comunque ora è ufficiale e potremo, anzi dovremo, mandare i nostri figli a scuola a piedi, oppure dovremo accompagnarli. Lo ha detto l'Università ;)
Ma qualcuno sa perchè molte di noi avevano smesso di farlo? Siete sicuri che sia stato solo per pigrizia?
Forse gli zaini troppo pesanti? Forse il traffico irrispettoso dei pedoni non ci lascia tranquille?
Forse i tempi sono troppo serrati per potersi permettere una passeggiata di mattina, visto che lasciati i pargoletti molte di noi si devono lanciare in un traffico convulso per raggiungere i posti di lavoro?
Io voto per tornare ad andare a scuola a piedi, voto anche per permettere che i bambini da una certa età in poi lo possano fare da soli magari organizzati in piccoli gruppi . Sarebbe fantastico.
Voto anche per una traffico più ordinato, per passaggi pedonali rispettati, per orari più elastici, e per una bella mela al posto del panino col prosciutto.
E aspetto fiduciosa che una Università blasonata conduca il prossimo studio illuminandoci con preziose e sorprendenti verità.

Commenti

Post popolari in questo blog

Chi ti credi d'essere? Sei qualcuno? Domande...

Storie di donne, mai a confronto. Ma a conforto e sostegno una dell'altra. Percorsi scavati a mani nude nella propria mente e nel proprio cuore. Ogni nuovo passo non è mai banale e se ne cerca il senso, con una tenacia tutta femminile.

"La sorpresa fu il suo desiderio, quasi la pretesa che ogni cosa tornasse a essere lì apposta per lei, semplice e compatta come il servizio di recipienti da gelato, tanto da convincerla di non essere solo in fuga da delusioni, perdite e abbandoni, ma anche dal loro esatto opposto: dalla cerimonia violenta dell'amore dallo stato di frastornata alterazione che comporta. Perfino quando non era pericolosa faceva fatica ad accettarla. In un modo o nell'altro l'amore ti derubava sempre di qualcosa: una sorgetne di equilibrio interiore, un piccolo nocciolo duro di onestà." Alice Munro

“Per la maggior parte del tempo non avevo fatto altro che avanzare alla cieca da un giorno all’altro...

Eppure dentro di me la vita ardeva. Benché fosse …

Barbabietola rossa, per un buongiorno a colori

Una barbabietola, due carote, una mela, un limone... un pezzettino di zenzero se gradito!

Mangiare tre frutti al giorno è un buon inizio

La salute passa per il fruttivendolo. Ma non lo dice il fruttivendolo, lo dice l'O.M.S., Organizzazione Mondiale della Sanità. Pare infatti che un consumo adeguato di frutta e verdura cambierebbe la mappa mondiale delle malattie cardiovascolari.