Passa ai contenuti principali

Pomodori al riso estivi


Ore 8,00 ancora il caldo non si fa sentire e piena di entusiasmo decido di comprare 6 pomodori rossi, carnosi (proprio quelli giusti) per fare i pomodori al riso alla classica maniera.
Aggiungo alla mia sporta del bellissimo basilico, patate novelle, fagiolini, 1 peperone, qualche carote, un sacchetto di pinoli e 1 limone non trattato.
Al rientro a casa mi accorgo che sarà veramente dura accendere il forno, il caldo sta aumentando, il sole fra un po' batterà sui vetri della cucina, e adesso?
E adesso si cambia, per i pomodori al riso versione estiva (ed assolutamente vegana) si procede così.
Per prima cosa mettete a bolliire l'acqua e al bollore aggiungete 200 gr di riso (integrale, o che non scuoce, basmati, quello che avete), in un altra pentola invece lessate i fagiolini, e poi le patate a tocchetti.
Nel frattempo svuotate i pomodori e mettete la polpa nel frullatore insieme a qualche foglia di basilico, olio, sale, qualche cappero se vi piace, scorzetta grattuggiata e succo di un quarto di limone.
In una ciotola mescolate il riso lessato freddo con i fagiolini cotti e tagliati a tronchetti, le carote crude tagliate a dadini ed il peperone sminuzzato e condite con buona parte della salsina.
Con questo riso riempite i pomodori. Le patate scolate al dente le porrete fra i pomodori condendole con la salsa avanzata. Alla fine tostate i pinoli e spargeteli sulla teglia.
E' pronto in tavola!

Commenti

Post popolari in questo blog

Chi ti credi d'essere? Sei qualcuno? Domande...

Storie di donne, mai a confronto. Ma a conforto e sostegno una dell'altra. Percorsi scavati a mani nude nella propria mente e nel proprio cuore. Ogni nuovo passo non è mai banale e se ne cerca il senso, con una tenacia tutta femminile.

"La sorpresa fu il suo desiderio, quasi la pretesa che ogni cosa tornasse a essere lì apposta per lei, semplice e compatta come il servizio di recipienti da gelato, tanto da convincerla di non essere solo in fuga da delusioni, perdite e abbandoni, ma anche dal loro esatto opposto: dalla cerimonia violenta dell'amore dallo stato di frastornata alterazione che comporta. Perfino quando non era pericolosa faceva fatica ad accettarla. In un modo o nell'altro l'amore ti derubava sempre di qualcosa: una sorgetne di equilibrio interiore, un piccolo nocciolo duro di onestà." Alice Munro

“Per la maggior parte del tempo non avevo fatto altro che avanzare alla cieca da un giorno all’altro...

Eppure dentro di me la vita ardeva. Benché fosse …

Barbabietola rossa, per un buongiorno a colori

Una barbabietola, due carote, una mela, un limone... un pezzettino di zenzero se gradito!

Mangiare tre frutti al giorno è un buon inizio

La salute passa per il fruttivendolo. Ma non lo dice il fruttivendolo, lo dice l'O.M.S., Organizzazione Mondiale della Sanità. Pare infatti che un consumo adeguato di frutta e verdura cambierebbe la mappa mondiale delle malattie cardiovascolari.