Passa ai contenuti principali

Torta vegan alle carote farcita di crema alle mandorle e frutta


Non si deve rinunciare al gusto, solo perchè si è passati ad una alimentazione vegan, o perchè si ha una intolleranza come quella diffusissima al latte o alle uova.
Ho provato personalmente questa ricetta e l'ho un po' modificata rispetto alla versione originale perchè voglio che ci sia sempre della frutta nel menù dei bambini e in una torta è uno dei modi migliori per proporla. Dieteticamente parlando è una torta leggerissima, ve ne accorgerete al primo assaggio.
La ricetta utilizza come basi le indicazioni di un libro fondamentale per chi si avvicina alla pasticceria naturale: "Pasticceria naturale" di Pasquale Boscarello Ed. Terra Nuova.
L'impasto per la base è semplicissimo:
140 gr di farina integrale di farro
150 di amido di mais
140 di malto di mais
180 gr di carote pulite e tagliate a tronchetti
60 gr di semi di girasole tostati
5,5cl di olio di mais o girasole
5,5cl di acqua tiepida
1/2 cubetto di lievito di birra (allungando i tempi di riposo del'impasto potete metterne anche meno)
la buccia di un limone grattuggiata
2 pizzichi di sale ed un mezzo cucchiaino di cannella
Sciogliete il lievito di birra nell'acqua tiepida.
Nel frattempo mettete nel frullatore le carote, il sale, la cannella, la bucci di limone, ed i semi di girasole e frullate il tutto. Unite poi l'olio ed il malto ed azionate nuovamente il frullatore finoa d ottenere un composto ben amalgamato.
Mettete in una ciotola la farina, il composto di carote, e l'acqua con il lievito, miscelate con le mani fino ad ottenere un impasto morbido.
Fate riposare una mezzoretta (se potete anche di più) in luogo caldo.
Mettete l'impasto in una tortiera e far riposare fino a che il volume nons i raddoppi nuovamente. Infornate a 190° per 20 minuti.
Fate impastare ai bambini... anche perchè (e questo è un vantaggio non da poco) la mancanza di uova e latte rende questo impasto igienicamente molto pi sicuto del tradizionale.
Ed ora prepariamo insieme la crema di mandorle (crema pasticcera vegan). Un vero must per tutte le occasioni.
100gr di mandorle pelate
50 gr di amido di mais
250 gr di malto di mais
vaniglia bourbon in polvere
buccia grattuggiata di mezzo limone
un pizzico di sale e 55cl di acqua
Frullate le mandorle ed aggiungete l'acqua piano piano continuando a frullare fino ad ottenere un composto liscio (latte di mandorla)
Versate in una ciotola il latte di mandorle ricordandovi di tenerne un po' da parte(mezzo bicchiere) per scioglierci l'amido, unite il malto di mais, la vaniglia(la puta di un cucchiaino), ed il sale. Cuocete a fuoco basso e mescolate continuamente.
Ora mescolate l'amido con la buccia di limone ed il resto del latte e quando il latte sarà sul pounto di bollire, aggiungetelo. Mescolate con una frusta in modo da non far formare grumi, la crema si addenserà velocemente. Spegnete, trasferite in un recipiente largo per lasciare raffreddare. Appena possibile mettete in frigo.
Tutto questo potete farlo tranquillamente il giorno prima.
Ora tagliate per lungo la base della torta, spalmateci uno strato di crema (lavoro adattissimo ai bambini) cospargete di frutta mista di stagione tagliate sottile - nella foto mele, pere, kiwi e banane- spalmate un altro strato di crema e chiudete la torta. Per decorazione abbiamo usato degli alchechengi.
Dura in frigo più giorni (il giorno dopo è anche più buona) proprio grazie alla mancanza di prodotti di origine animale.

Commenti

Post popolari in questo blog

Chi ti credi d'essere? Sei qualcuno? Domande...

Storie di donne, mai a confronto. Ma a conforto e sostegno una dell'altra. Percorsi scavati a mani nude nella propria mente e nel proprio cuore. Ogni nuovo passo non è mai banale e se ne cerca il senso, con una tenacia tutta femminile.

"La sorpresa fu il suo desiderio, quasi la pretesa che ogni cosa tornasse a essere lì apposta per lei, semplice e compatta come il servizio di recipienti da gelato, tanto da convincerla di non essere solo in fuga da delusioni, perdite e abbandoni, ma anche dal loro esatto opposto: dalla cerimonia violenta dell'amore dallo stato di frastornata alterazione che comporta. Perfino quando non era pericolosa faceva fatica ad accettarla. In un modo o nell'altro l'amore ti derubava sempre di qualcosa: una sorgetne di equilibrio interiore, un piccolo nocciolo duro di onestà." Alice Munro

“Per la maggior parte del tempo non avevo fatto altro che avanzare alla cieca da un giorno all’altro...

Eppure dentro di me la vita ardeva. Benché fosse …

Barbabietola rossa, per un buongiorno a colori

Una barbabietola, due carote, una mela, un limone... un pezzettino di zenzero se gradito!

Mangiare tre frutti al giorno è un buon inizio

La salute passa per il fruttivendolo. Ma non lo dice il fruttivendolo, lo dice l'O.M.S., Organizzazione Mondiale della Sanità. Pare infatti che un consumo adeguato di frutta e verdura cambierebbe la mappa mondiale delle malattie cardiovascolari.