Passa ai contenuti principali

Tortino di alici


Ottima soluzione per un antipasto, un secondo, o un piatto unico a seconda delle circostanze. Si può preparare in anticipo, noi l'abbiamo preparata il giorno prima e scaldata nel microonde per 2 minuti appena prima di servirla per la cena di capodanno. Ha sostituito egregiamente per l'antipasto lo strausato, stranorvegese, strasalato e stracaro salmone.
Occorrente per la pasta:
250 gr di farina mezzo bicchiere di olio extra vergine d'oliva, sale
Occorrente per il ripieno:
400gr di alici un cespo di scarola 250gr di ricotta un uovo una manciata di uvette ammollate e una manciata di pinoli un cucchiaio di semi di finocchio
Procedimento:
Impastate la farina con l'olio, un cucchiaino di sale e tanta acqua per avere una pasta liscia ed elastica; fatene una palla avvolgetela nella pellicola trasparente e lasciatela riposare in frigorifero. Intanto lavate la scarola e intera mettela a stufare in una pentola con un filo d'olio, uvette, pinoli, i semi di finocchio. Quando sarà cotta spegnete, mettetela in una ciotola e sminuzzatela. Aggiungete la ricotta e l'uova e mescolate bene.
Lasciate il composto ad insaporirsi un po'.
Nel frattempo pulite le alici togliendo lische interiora, teste, e code, sciacquatele e mettetele ad asciugare su della carta assorbente da cucina.
Stendete la pasta abbastanza sottile formando un tondo bello grande. Dato il tipo di pasta vi conviene allargarlo bene aiutandovi con il dorso delle mani piuttosto che con il mattarello. Adagiatela in una tortiera foderata con carta da forno. Riempite ocn un prima strato di impasto di ricota e scarola e poi stendete un primo strato di alici aperte a libro. continuate così fino a fine ingredienti, l'ultimo strato deve essere di alici disposte a raggiera.
Ripiegate sull'impasto la pasta in eccesso lungo i bordi e decorate a piacere. Potete formare delle onde con la pasta o fare delle striscioline e creare delle losanghe come sulle crostate. Mettete in forno un quarto d'ora a 190° ventilato.
Lasciatela un po' raffreddare prima di tagliare le fette.

Commenti

Post popolari in questo blog

Chi ti credi d'essere? Sei qualcuno? Domande...

Storie di donne, mai a confronto. Ma a conforto e sostegno una dell'altra. Percorsi scavati a mani nude nella propria mente e nel proprio cuore. Ogni nuovo passo non è mai banale e se ne cerca il senso, con una tenacia tutta femminile.

"La sorpresa fu il suo desiderio, quasi la pretesa che ogni cosa tornasse a essere lì apposta per lei, semplice e compatta come il servizio di recipienti da gelato, tanto da convincerla di non essere solo in fuga da delusioni, perdite e abbandoni, ma anche dal loro esatto opposto: dalla cerimonia violenta dell'amore dallo stato di frastornata alterazione che comporta. Perfino quando non era pericolosa faceva fatica ad accettarla. In un modo o nell'altro l'amore ti derubava sempre di qualcosa: una sorgetne di equilibrio interiore, un piccolo nocciolo duro di onestà." Alice Munro

“Per la maggior parte del tempo non avevo fatto altro che avanzare alla cieca da un giorno all’altro...

Eppure dentro di me la vita ardeva. Benché fosse …

Barbabietola rossa, per un buongiorno a colori

Una barbabietola, due carote, una mela, un limone... un pezzettino di zenzero se gradito!

Mangiare tre frutti al giorno è un buon inizio

La salute passa per il fruttivendolo. Ma non lo dice il fruttivendolo, lo dice l'O.M.S., Organizzazione Mondiale della Sanità. Pare infatti che un consumo adeguato di frutta e verdura cambierebbe la mappa mondiale delle malattie cardiovascolari.