Passa ai contenuti principali

Il castagnaccio ... secondo noi

Questa versione del castagnaccio assomiglia molto al panforte, è nutriente, assolutamente veganiana (nessun ingrediente di origine animale: latte, uova, etc.) e priva di glutine. Inoltre la lavorazione è semplice e veloce. Potrete coinvolgere i bambini nella preparazione, evitando l'uso dell'impastatrice e facendo tutto con le mani.
I piccoliatavola l'hanno preparato per Natale come alternativa al panettone utilizzando ingredienti provenienti da agricoltura biologica.
Ingredienti:

400 gr di farina di castagne
una tazza di uvetta precedentemente ammollatta nell'acqua
scorza di arancia candita, cedro e limone tagliata a pezzetti
una tazza di mandorle tagliate a pezzettoni
una tazzina di pinoli
olio di oliva
4 cucchiai di zucchero di canna e un cucchiaio di miele
zucchero a velo fatto in casa (frullando normale zucchero semolato per 2 minuti nel minipimer)
Procedimento:
mettete tutti gli ingredienti nell'impastatrice aggiungendo poco alla volta acqua a temperatura ambiente finchè il composto non sarà una crema piuttosto densa.
Versatelo in una teglia da 24 cm. un po' unta livellandolo con una spatola intinta nell'olio.
Mettete in forno a 200° per 15 min. o comunque finche la superfice della torta non apparirà asciutta. Togliete dal forno, fate raffreddare cospargete la superfice con zucchero a velo e decorate con qualche scozetta di candito.

Commenti

Post popolari in questo blog

Chi ti credi d'essere? Sei qualcuno? Domande...

Storie di donne, mai a confronto. Ma a conforto e sostegno una dell'altra. Percorsi scavati a mani nude nella propria mente e nel proprio cuore. Ogni nuovo passo non è mai banale e se ne cerca il senso, con una tenacia tutta femminile.

"La sorpresa fu il suo desiderio, quasi la pretesa che ogni cosa tornasse a essere lì apposta per lei, semplice e compatta come il servizio di recipienti da gelato, tanto da convincerla di non essere solo in fuga da delusioni, perdite e abbandoni, ma anche dal loro esatto opposto: dalla cerimonia violenta dell'amore dallo stato di frastornata alterazione che comporta. Perfino quando non era pericolosa faceva fatica ad accettarla. In un modo o nell'altro l'amore ti derubava sempre di qualcosa: una sorgetne di equilibrio interiore, un piccolo nocciolo duro di onestà." Alice Munro

“Per la maggior parte del tempo non avevo fatto altro che avanzare alla cieca da un giorno all’altro...

Eppure dentro di me la vita ardeva. Benché fosse …

Barbabietola rossa, per un buongiorno a colori

Una barbabietola, due carote, una mela, un limone... un pezzettino di zenzero se gradito!

Mangiare tre frutti al giorno è un buon inizio

La salute passa per il fruttivendolo. Ma non lo dice il fruttivendolo, lo dice l'O.M.S., Organizzazione Mondiale della Sanità. Pare infatti che un consumo adeguato di frutta e verdura cambierebbe la mappa mondiale delle malattie cardiovascolari.